Come fare i liquidi per la sigaretta elettronica in casa

Come fare i liquidi per la sigaretta elettronica in casa

Uno dei motivi principali di chi vuole smettere di fumare solitamente è il fattore economico, le sigarette tradizionali hanno un certo costo, conti alla mano chi fuma 15-20 sigarette al giorno spende in media dai 100€ ai 150€ al mese, una cifra di tutto rispetto, senza contare i danni alla salute che ci portiamo dietro con questo stile di vita che dovrebbero essere messi al primo posto tra i motivi per abbandonare questo vizio. Come già ampiamente illustrato dai studi portati avanti in questi anni, le migliori sigarette elettroniche sono un ottimo mezzo per smettere di fumare.

Le e-cig, da molti ritenute anche un ottimo sostituto per risparmiare, in realtà hanno un costo di gestione tra liquidi e pezzi di ricambio non indifferente (ovviamente dobbiamo considerare l’utilizzo). In questa guida andremo a vedere come fare i liquidi per la sigaretta elettronica in casa, potendo quindi risparmiare nel tempo una vera e propria fortuna.

Nel primo paragrafo illustreremo come creare una base neutra per ogni gusto, invece nel secondo andremo a spiegare in che quantità e come miscelare la base con l’aroma. Infine, chiuderemo la guida con un importantissimo appunto riguardo la nicotina.

Come creare una base neutra

Gli “ingredienti” che si devono utilizzare per creare una base neutra sono 3, tutti facilmente reperibili anche online:

  1. Glicerina vegetale;
  2. Glicole propilenico;
  3. Acqua demineralizzata, più conosciuta come acqua distillata.

Per creare una base neutra non esiste una ricetta esatta, ovvero è possibile “giocare” con le concentrazioni dei 3 ingredienti per ottenere risultati in termini di vapore e hit alla gola differenti. Se non sapete da dove partire, è possibile utilizzare questa miscela per creare una base “standard”: 50% di glicole propilenico, 40% di glicerina vegetale e 10% di acqua demineralizzata.

Ad ogni modo, potete sicuramente fare dei test per vedere quale proporzione vi aggrada maggiormente, possiamo però dire che:

  1. all’aumentare della concentrazione della glicerina vegetale aumenta il vapore ma diminuisce l’hit alla gola e la resa dell’aroma;
  2. all’aumentare della concentrazione del glicole propilenico aumenta l’hit alla gola e la resa dell’aroma ma diminuisce il vapore;
  3. l’acqua serve esclusivamente per diminuire la viscosità;
  4. maggiore è la densità della base neutra, minore sarà la vita dell’atomizzatore.

Per creare la base neutra si devono unire gli ingredienti e lasciar riposare per 24 ore.

Base e aroma: in che proporzione?

Per miscelare la base con l’aroma non esiste una vera e propria proporzione standard, solitamente si parla di 1ml di aroma per ogni 10ml di base, ma anche in questo caso questa proporzione è un punto di partenza per poi modificare in base alle proprie preferenze e gusti. Ad ogni modo, una volta mischiato il liquido con la base neutra, il composto ottenuto andrà fatto stagionare per un periodo che va dai 10 ai 30 giorni, agitandolo più volte al giorno, in modo tale che l’aroma sovrasti completamente il sapore poco piacevole della base neutra.

E la nicotina?

In questo articolo abbiamo volontariamente deciso di non parlare della nicotina per la preparazione di liquidi in casa in quanto si tratta di una sostanza altamente nociva, che in alcuni casi può creare danni irreparabili a contatto con la pelle umana. Il nostro consiglio è di evitare il suo utilizzo se non si è pratici e, in caso, prendere determinate precauzioni al fine di evitare qualsiasi problematica.

In ogni caso lasciamo il seguente grafico (di flavourart.it) nel quale viene illustrata la concentrazione consigliata di nicotina per un liquido fatto in casa.

Lascia un commento