Come scegliere un regolabarba

Quando abbiamo parlato dei migliori regolabarba in commercio, li abbiamo descritti come uno degli strumenti fondamentali per la cura della persona, e in questo articolo lo ribadiamo: sono fondamentali. Ma come scegliere il modello giusto per le proprie esigenze? Nei successivi paragrafi abbiamo sintetizzati quelli che sono i fattori da tenere in considerazione durante l’iter di acquisto.

Lame

Ovviamente le lame sono le protagoniste in un regolabarba. In commercio le troviamo in 2 materiali, acciaio e titanio, che si differenziano fra di loro per alcune particolarità:

• In acciaio

La maggior parte dei regolabarba in commercio presentano delle lame in acciaio, le quali hanno una predisposizione all’usura più accentuata rispetto a quelle in titanio. Per prestazioni al top e per evitare l’usura è consigliato usare un lubrificante (solitamente incluso in confezione); è bene specificare che alcune lame sono auto-affilanti, quindi non necessitano della lubrificazione.

• In titanio

Le lame in titanio, seppur decisamente meno diffuse, sono assolutamente più resistenti e meno predisposte all’usura, sostanzialmente durano di più. Per questo motivo non necessitano di lubrificazione. All’apparenza perfette, per quanto riguarda la qualità del taglio sono inferiori rispetto a quelle in acciaio.

Range di taglio, impostazioni di lunghezza e rifinitore di precisione

Se le lame sono importanti, tutte le specifiche tecniche relative al taglio effettivo lo sono ancor di più. In base ai propri gusti, è importante valutare l’acquisto di un articolo con un range di taglio più o meno ampio. Cosa significa range di taglio? Sostanzialmente intendiamo la capacità di taglio del regolabarba. Ci sono modelli che hanno una lunghezza minima di 0,5 mm e massima di 15 mm, altri 1-20mm e via dicendo.

Altra questione da tenere in considerazione è il numero di impostazioni di lunghezza, ovvero gli intervalli di taglio. In commercio ci possono essere due regolabarba che hanno un range di 1-10 mm, all’apparenza uguali, ma uno ha 20 impostazioni di lunghezza (intervalli di 0,5 mm), l’altro 10 impostazioni (intervalli di 1 mm). E’ quindi importante scegliere sempre un modello con più intervalli disponibili, in modo tale da poter ottenere sempre la lunghezza perfetta.

Se poi si è un vero perfezionista, e si vuole un taglio perfetto, rifinito e cool, acquistare un regolabarba con rifinitore di precisione integrato è un must. Questi rifinitori sono ottimo per delle micro-regolazioni al millimetro.

Qualità costruttiva

Così come le lame, il regolabarba stesso deve durare nel tempo. Come per qualsiasi categoria di prodotti, è importante valutare minuziosamente la qualità costruttiva:

• Dimensioni

Prodotti di questo tipo, come i tagliacapelli o i rasoi elettrici, devono essere maneggevoli, comodi e pratici da tenere in mano durante l’utilizzo.

• Peso

Difficilmente si trova un regolabarba pesante, ma in ogni caso per evitare spiacevoli sorprese, è importante informarsi.

• Materiali

Il tutto poi si riassume nel discorso materiali. Del corpo macchina, delle lame o dei pettini, i materiali devono essere di qualità nota per garantire il suo regolare funzionamento nel tempo.

Funzionalità

Non tutti i modelli disponibili in commercio sono uguali. Aldilà dei materiali, questi articoli si differenziano anche per le loro funzionalità. Di seguito abbiamo riassunto quelle più conosciuti e fondamentali:

• Wet & Dry

La funzione Wet & Dry rappresenta la resistenza all’acqua del prodotto. Ciò non è sinonimo di impermeabile: alcuni regolabarba Wet & Dry hanno solamente la testina resistente all’acqua, altri sono totalmente impermeabili e quindi utilizzabili anche sotto la doccia.

• Display

Per comodità, un display può riassumere più o meno svariate informazioni come l’impostazione di lunghezza selezionata, il livello di carica e di conseguenza l’autonomia residua.

• Pulizia

Alcuni regolabarba sono veramente semplici da pulire in quanto dispongono di specifiche funzioni per tale scopo. Tra di queste ricordiamo la funzione aspirazione (serbatoio integrato con sistema di aspirazione annesso) e la famosa funzione Wet & Dry di cui abbiamo già parlato.

Accessori

Anche i regolabarba possono avere i più svariati accessori. Non tutti sono necessari ma alcuni sono fondamentali. Tra quelli di cui non possiamo ovviamente fare a meno, troviamo ovviamente il cavo per la ricarica. Un altro accessorio da tenere in considerazione vi è la base di ricarica. Molto comoda poi una sacchetta per i viaggi, i vari pettini extra e delle spazzole per la pulizia.

Autonomia e alimentazione

Quanto dura una carica? Come si ricarica il regolabarba? Concludiamo questa guida con due informazioni da tenere sempre in considerazione:

• Autonomia

La maggior parte dei regolabarba hanno una autonomia di circa 50-60 minuti, il tempo giusto per eseguire molteplici sessioni di regolazione. In base a quanto si utilizzi il proprio terminale, è importante valutare l’autonomia effettiva.

• Sistema di ricarica

Per una questione di comodità è importante selezionare un modello con un sistema di ricarica comodo come può essere quello con una base di ricarica. Alcuni modelli dispongono di un classico caricatore, come quelli per gli smartphone.

Commenta per richiedere qualsiasi informazione

      Lascia un commento

      Guide agli Acquisti